REPOSITORY

Bilancio

Arg. n. 5 – ODG – Progetto di Legge n. 0174

Arg. n. 5 – ODG – Progetto di Legge n. 0174:

“Assestamento al bilancio per l’esercizio finanziario 2006 ed al bilancio pluriennale 2006/2008 a legislazione vigente e programmatico – I provvedimento di variazione con modifiche di leggi regionali”

Emendamenti all’articolo 7).

Quindi io adesso illustro gli emendamenti sull’articolo 7 specificamente e poi tutti gli altri, d’accordo.

Allora c’è un blocco di nostri emendamenti, in particolare il 27, il 23, il 21, il 26 e il 22, oltre al 25 e al 24, che fanno riferimento alla mancanza di trasparenza del comportamento, almeno in sede di stesura di bilancio, di quanto attiene Finlombarda S.p.A., che non è tenuta a presentare al Consiglio regionale un rapporto annuale relativamente ai risultati della gestione del fondo e, dato che il rapporto è invece sottoposto all’approvazione del Consiglio, noi chiediamo espressamente che Finlombarda venga tenuta a un rapporto da sottoporre all’approvazione del Consiglio. Questo è l’emendamento 24.

Per rafforzare questa posizione gli altri emendamenti coinvolgono tra i destinatari dell’intervento di Finlombarda le stesse associazioni sindacali, che invece fino a qui ne sono escluse, e richiede che ci siano dei controlli, per quanto riguarda le destinazioni, che passino attraverso le Commissioni competenti, che di volta in volta se ne dovrebbero invece incaricare. C’è poi un’estensione dei compiti di Finlombarda, in particolare l’emendamento 21, che ritiene che si possa occupare anche di sostegno al reddito e alla tutela e all’incremento dei livelli occupazionali, in modo particolare quando si fa riferimento alle aziende o in cassa integrazione o in crisi. Questo è il blocco degli emendamenti fino a quel punto.

Più avanti noi abbiamo presentato un insieme di emendamenti, quelli in particolare alle UPB, che in maniera molto circostanziata potrei… posso rimandare alla lettura degli emendamenti, ma si articolano su un intervento, sulle questioni socio sanitarie, in particolare nelle aree materne infantili e nelle dipendenze, dove si chiede lo spostamento in quest’area più consistente. C’è un richiamo ancora una volta alla possibilità di sostegno del vecchio bilancio dell’agenzia di riconversione dell’industria bellica, che formalmente non è stata mai abrogata, c’è un blocco di spostamento dalla crescita continua e del tutto fuori controllo, se dobbiamo dirlo, del sostegno al buono scuola verso il diritto allo studio e al trasporto.

C’è poi un blocco di emendamenti che riguarda lo spostamento verso trasporti di carattere collettivo e incentivi alla mobilità sostenibile con una motivazione sostanziale, sono interventi che corrisponderebbero in futuro ad autentici risparmi per i cittadini, ma anche per la regione. C’è poi una decisa ridefinizione degli strumenti anche in questa via transitoria a sostegno di tutta quella parte delle energie rinnovabili e del risparmio energetico, che è ampiamente trascurata e rispetto a cui si lamentano i cittadini lombardi per mancanza di informazione e mancanza di strumenti indicativi a riguardo.

Altri sei emendamenti sono concentrati attorno allo smog e all’inquinamento dell’aria, sono emendamenti del tutto compatibili, dato che lo spostamento a riguardo non è rilevante, ma sono tra l’altro tutti a nostro giudizio preventivati almeno nelle dichiarazioni della giunta e mai applicati, quindi rendono del tutto inattuale questo aspetto. Ci sono poi 4 emendamenti che a nostro giudizio sarebbe colpevole trascurare, sono gli emendamenti che riguardano la sistemazione delle reti idriche, dove oggi c’è un 52% di perdita in una situazione di siccità assolutamente epocale, e che riguardano poi invece l’incentivo alla programmazione di intervento risanatorio e progettuale verso gli ATO, che oggi invece ne sono assolutamente privi. Noi vorremmo ad esempio che le dichiarazioni per cui gli ATO possono essere sostenuti da Finlombarda, solo se mandano a gara poi l’erogazione dell’acqua, venissero sostituiti da una norma più corretta, che è quella che la Regione invece dia i soldi ai progetti degli ATO, indipendente dalla loro volontà di privatizzare o meno l’acqua.

C’è un’ultima parte ancora di emendamenti consistenti, che riguarda il fondo di sostegno al reddito al di fuori dell’allocazione in questa direzione possibile, attraverso i fondi che noi riteniamo un pochino oscuri di Finlombarda, cioè uno spostamento determinato sulle UPB perché alcune spese del tutto o inefficaci o assolutamente inutili vengano invece spostate al sostegno al reddito dei lavoratori con particolari condizioni e particolari… perciò quelli che subiscono processi di allontanamento dal lavoro in età avanzata. Questo è il corpo di 31 emendamenti che noi abbiamo presentato, se si vuole poi… non so, passando alla descrizione articolo per articolo, io posso anche farlo.

&O

PRESIDENTE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: