REPOSITORY

Articoli, Energia, Generale

Contratto mondiale per l’energia: oltre i fossili per un nuovo paradigma

Contratto mondiale per lèenergia: oltre i fossili per un nuovo paradigma
Mario Agostinelli

Un bilancio di fine anno 2005 e una previsione 2006 terribili per le prospettive climatiche, per lèinquinamento da trasporti, per i costi e gli incontenibili consumi energetici a fronte dellèinevitabile esaurimento dellèera dei fossili.
Eppure nulla di tutto ciè è ineluttabile o estraneo alla sfera della responsabilitè politica, Infatti lèinerzia di una cultura politica che anche a sinistra ha fatto coincidere diritti, progresso e giustizia sociale con la crescita quantitativa e che ha trascurato un cambio di prospettiva per modificare lo sviluppo intenso e divoratore del èsecolo breveè, serve piè di molte altre fosche constatazioni contingenti a spiegare le difficoltè ed i fallimenti ad un anno dallèentrata in vigore del protocollo di Kyoto. Nei fatti, pochi aspetti, quanto quello del governo delle politiche energetiche e del cambio di paradigma dovuto alla crisi delle fonti fossili, rimangono ancora sotto traccia nelle analisi e nei conflitti politici piè tradizionali e non risentono affatto del mutamento epocale che il movimento di Porto Alegre ha invece colto appieno, coniugandolo con la crisi dello sviluppo, del lavoro, della democrazia, della giustizia sociale a livello globale.
Eè per questa ragione e sulla base di una straordinaria esperienza che sta crescendo e si sta consolidando nelle campagne e nella lotta a livello globale per lèacqua come bene comune, che nel 2005 lèassemblea mondiale dei Forum Sociali ha innalzato anche le questioni energetiche al rango di prioritè per èun mondo diverso possibileè. Abbandonando lèapproccio tradizionale, che collocava lèenergia nello spazio della geopolitica e riportando la questione del diritto ad essa nellèalveo di una politica della biosfera tutta da conquistare.
Sta nascendo il ècontratto mondiale per lèenergia e la salvaguardia del climaè che ha giè fatto a Gennaio le sue prove a Bamako (Mali) ed a Caracas (Venezuela) durante il Forum Policentrico che si concluderè a Karachi (Pakistan). Si tratta di un concorso di molte voci e movimenti per definire un documento aperto, ma netto nei suoi orientamenti di fondo, da perfezionare con uno scambio interattivo tra realtè, culture e modelli locali inseriti in una visione globale coerente, che fa dellèenergia rinnovabile è solare in particolare è il fulcro della fuoriuscita dalle fonti fossili e dal nucleare.
La proposta, nata in Europa e confermata in India e Brasile, ha ricevuto attenzione straordinaria in questo inizio dèanno in Africa, dove lèaderenza delle fonti rinnovabili ai cicli naturali, alla conservazione del territorio e alle culture sociali indigene, incontra una profonda condivisione e scopre una irripetibile occasione di disponibilitè di risorse. ed una imprevista accelerazione dei processi democratici per il loro governo. A partire dal Mali, dal Niger e dal Kenia, si sta formando una rete di societè civile che prova a legare la soluzione dei problemi tecnologici connaturati allèimpiego del sole, del vento della vegetazione e dellèacqua, cosè complessi in un continente allo stremo, allèorganizzazione sociale e democratica necessaria per la rinascita di culture emarginate e per dare efficacia alla lotta alla povertè.
Allo stato attuale siamo ad un documento di massima, tradotto in undici lingue, il cui testo è riportato qui di seguito. Si tratterè, da qui in avanti, di consolidare un progetto mondiale articolato per grandi regioni e fatto aderire con il massimo di partecipazione in ciascuna specifica realtè: Per il nostro Paese il lancio del ècontrattoè ha alle proprie spalle la piena convinzione delle maggiori associazioni ambientaliste e delle organizzazioni democratiche piè innovative: molte di esse giè operano nei singoli territori e di frequente hanno giè avviato esperienze di lotta. Si tratta ora di far crescere una campagna diffusa, coerente, coraggiosa e decisamente creativa, capace di individuare soluzioni credibili e di imporre le necessarie discontinuitè rispetto al corso attuale.
Non sarè facile conseguire un obiettivo cosè ambizioso, nemmeno nel necessario coinvolgimento del mondo tecnico e scientifico verosimilmente piè vicino ai propositi del ècontrattoè. Infatti, per storia culturale e – perchè no è politica, siamo tutti impregnati di un approccio allèenergia legato a concetti muscolari di moltiplicazione delle forze, di potenze crescenti, di inarrestabile accelerazione dei processi produttivi, di accorciamento dei tempi di spostamento: concetti in genere applicati alle macchine e alla trasformazione di quantitè esponenziali di materia inerte, ma vissuti nellèesperienza della gran parte delle donne e degli uomini del pianeta come estranei o sovrapposti ai propri ritmi e tempi biologici, del tutto indipendenti ed incomprimibili per vie artificiali.
Eè la rivoluzione industriale, con il suo sedimento tecnologico e scientifico, con la succesiva globalizzazione dei sistemi manifatturieri, lèinterconnessione delle reti dei trasporti e delle rotte commerciali, la presunta illimitatezza delle materie prime e la disponibilitè dei fossili è enormi lasciti materiali di processi vitali accumulatisi per migliaia di secoli nelle viscere della terra ad opera del sole è che ci ha indissolubilmente legati al bisogno abnorme di energia ed al consumo accelerato della sua quota non rinnovabile.
Oggi perè occorre tenere conto di uno straordinario mutamento percettivo che riguarda lèindividuo come parte della specie, ma che la politica e la scienza non portano ancora interamente alla luce: lèenergia è, anche e soprattutto, possibilitè di vita ed i suoi consumi nella biosfera non sono compatibili con quelli spropositati che il primato dellèoccidente liberista ha fin qui richiesto e la geopolitica del petrolio e del carbone consentito.
Questa percezione, ormai patrimonio delle nuove generazioni, rileva che occorre elaborare collettivamente e in solidarietè con le future generazioni la meta di un prolungamento della capacitè di sopravvivenza dellèintera umanitè. Di una specie, cioè, che dipende interamente dal consumo di energia e, quindi, non solo da scelte tecnologiche compatibili con lèambiente, ma anche dagli assetti sociali e dalle decisioni democratiche di produzione, consumo e convivenza nelle comunitè, nel territorio e nel rapporto armonico con la natura.
Questa idea completamente nuova dellèenergia come possibilitè e occasione di ordinare coscientemente e in maniera condivisa le relazioni sociali, il sistema tecnologico caratteristico di una civiltè, le possibilitè di benessere universale, gli equilibri vitali dei sistemi ecologici, rappresenta un salto nella cultura e nella pratica politica e scientifica a cui nessun sistema, neanche quelli di ispirazione socialista e egualitaria, era ed è preparato.
In questo caso il punto di partenza non è piè lèimperativo della crescita nè la produzione inarrestabile di merci energivore, ma la constatazione che i processi vitali dipendono ineludibilmente dall’energia. Lèaccesso ad essa diventa quindi un diritto, dato che senza di essa ogni essere vivente cesserebbe di crescere in modo ordinato, evolversi, muoversi, produrre, consumare, pensare, comunicare.
Perciè la questione dell’energia, al pari di quella dell’acqua, assume un aspetto centrale anche nello sviluppo della civiltè, nella salvaguardia della natura, nel prevenire i cambiamenti climatici, nel garantire la pace. Ma acqua ed energia sono risorse finite, degradabili, che non possono divenire, da beni comuni indispensabili alla vita, prodotti di mercato rubati alla collettivitè.
Cosè, il cuore del problema che stiamo esaminando non puè essere trasferito ed affidato al mercato, come sembrano convenire lèUnione Europea ed il WTO. Una riduzione drastica dei consumi, unita alla possibilitè di riassorbimento almeno parziale delle scorie energetiche nei cicli naturali, impone scelte politiche partecipate per abbandonare le fonti fossili e il nucleare e, soprattutto, per invertire la crescita, dato che nemmeno tutte le risorse rinnovabili a disposizione della Terra, con lèesplosione demografica prevista, potrebbero bastare a sostenere oltre la fine del secolo il trend dei consumi attuali.
Eè tempo di prendere decisioni nette. La generazione oggi al potere, pur avendo vissuto e attraversato le straordinarie esperienze del è68, ha sprecato almeno 30 anni preziosissimi, eludendo la sfida di un diverso paradigma energetico, che avrebbe richiesto, oltre che discontinuitè, tenace informazione, sforzo di ascolto e di educazione ed un coraggio politico in grado di stimolare ricerca avanzata, risorse finanziarie adeguate, tecnologia appropriata, politiche industriali innovative, democrazia partecipata.
Il ècontrattoè nasce nella convinzione che cambiare si puè ed è, oltre che auspicabile, possibile, come appare da molti segnali inequivocabili.
In estrema sintesi, la sfida non sta tanto nella legittimazione al fine di un ramo dellèenergetica è le rinnovabili è a fianco delle fonti piè tradizionali, quanto nella costruzione urgente e inequivocabile di una transizione irreversibile ad un sistema sostitutivo, fondato sul sole, a basso consumo, in armonia con i cicli della natura

SINTESI DEL èCONTRATTOè

Un mondo diverso è possibile, se lèazione dei popoli saprè costruire un altro modello energetico, distribuito, partecipato, equo e democratico, non piè alimentato dai combustibili fossili e dal nucleare, ma basato sul risparmio dellèenergia e sullèuso distribuito e sostenibile delle risorse rinnovabili quali sole, vento, biomasse, geotermia, mini idroelettrico e maree.
Uscire dai combustibili fossili e dal nucleare è necessario.
Elettricitè e calore vanno prodotti con le risorse solari e poi utilizzati con razionalitè efficienza e senso del limite. Le autoritè pubbliche, che governano la politica energetica devono fare dellèenergia non una merce, ma un bene comune e un diritto.
Occorre altresè promuovere un nuovo modello di mobilitè per persone e merci, che in primo luogo ne garantisca a tutti il diritto, come servizio definito in base alla necessitè. Si deve realizzare un sistema di trasporto piè collettivo ed intermodale, a ridotto consumo di risorse territoriali ed energetiche, con minime emissioni inquinanti e climalteranti.
Il modello agro-alimentare dei paesi industrializzati che si basa sulla agricoltura ed allevamento intensivi, con enorme impiego di prodotti chimici e farmaceutici, di carburanti ed acqua, deve essere modificato radicalmente, incentivando lèutilizzo di cibi di origine vegetale, coltivate localmente in modo biologico.
Per parte nostra occorre da subito produrre azioni e suscitare conflitti capaci di garantire la realizzazione degli obiettivi del protocollo di Kyoto (contrastando un ricorso programmatico al commercio delle emissioni) e, contemporaneamente, di costruire le condizioni di un nuovo protocollo che realizzi entro il 2050 una riduzione delle emissioni dei gas serra dellè80% rispetto a quelle del 90.
Questi obiettivi richiedono una estensione della democrazia e del metodo del governo partecipato, lasciando agli abitanti di un territorio il diritto di decidere se e come sfruttare le risorse energetiche di cui la loro terra è ricca.
Lèobiettivo strategicodel ècontrattoè è che, sulla base di azioni articolate e differenziate fra i paesi ricchi e quelli poveri, entro il 2050 i consumi non superino la soglia di un tep/anno ad individuo, almeno per il prelievo delle fonti fossili.

Il testo completo del contratto con il saggio che accompagna la sua presentazione (76 pagine) puè essere richiesto al prezzo di 6 Euro a Edizioni Punto Rosso VIA GUGLIELMO PEPE 14 – 20159 MILANO telefoni e fax (+39) 02-874324 e 02-875045.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: