REPOSITORY

Comunicati stampa

Competitività: prove di “grosse koalition” in Lombardia

RSS sign icon. RSS feed symbol

Comunicato stampa

Competitivitè: prove di ègrosse koalitionè in Lombardia

Unèoperazione di facciata tutta elettorale.

E al declino della nostra regione chi pensa?

èUnèoperazione tutta di facciata, con pretese trasversali, per lanciarsi nellèarena nazionale, nel patetico tentativo di nascondere gli insuccessi del Governo regionale e la grave crisi che attanaglia ormai da tempo la Lombardiaè.

Cosè Mario Agostinelli, capogruppo regionale del Prc commenta lèiniziativa odierna di Formigoni sulla competitivitè.

èSi lancia un manifesto – prosegue Agostinelli è per fare propagandisticamente da traino allèeconomia nazionale proprio con le stesse ricette che hanno portato la nostra regione al declino, nella solita logica di trasferimento massiccio ai privati di risorse e prerogative pubbliche. Pescando ancora nel trito e ritrito gruzzolo di un miliardo di Euro giè annunciato a suo tempo per la reindustrializzazione di Arese e mai utilizzato. E facendo unèoperazione che si inserisce perfettamente nella strategia elettorale di Formigoni, pronto a lasciare la Lombardia per unèavventura nazionaleè.

èBasta scorrere – continua il capogruppo del Prc – lèelenco dei convitati che coinvolge personalitè dellèimpresa potenzialmente disponibili a entrambi gli schieramenti (Tronchetti Provera, Bassetti, Ermolli) e che denuncia lèintento chiaro di organizzare intorno al Presidente della Lombardia una coalizione di interessi trasversale valida anche per il dopo elezioniè.

èUna palese contraddizione per uno che solo ieri è conclude Agostinelli – ha dichiarato di voler sottoporre le proprie scelte future al bene comune degli elettori lombardi! Con il manifesto odierno, per la veritè, dopo sanitè e scuola, Formigoni si appresta a privatizzare anche il mercato del lavoro, a escludere ogni confronto con i sindacati e ad affidare alla sua fiduciaria Finlombarda la gestione di ingenti risorse pubbliche, in spregio di ogni controllo da parte del Consiglio regionale e di ogni trasparenza. Per il bene di chi?è

Milano, 6 marzo 2006

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: