REPOSITORY

Generale

Il signor Keuner e la natura

Interrogato sui suoi rapporti con la natura, il signor Keuner disse: Talvolta uscendo di casa vedrei volentieri qualche albero. Specialmente perché, cambiando aspetto a seconda dell’ora e della stagione, essi raggiungono un particolare grado di realtà. Nelle città la vista continua di soli oggetti d’uso – case e strade che, disabitate, apparirebbero vuote e, non utilizzate, prive di senso – col tempo ci confonde le idee. Il nostro peculiare ordine sociale ci fa appunto annoverare anche gli uomini fra tali oggetti d’uso, gli alberi, almeno per me che non sono un falegname, hanno quindi una certa tranquillante autonomia che prescinde da me e spero che perfino per gli stessi falegnami gli alberi racchiudano in sé qualche cosa che non può essere utilizzata.

Perché se vuole vedere gli alberi, non fa, semplicemente, una gita? gli chiesero. Il signor Keuner rispose stupito: Ho detto che li vorrei vedere uscendo di casa.

(Il signor Keuner disse anche: E’ per noi necessario far uso con parsimonia della natura. Indugiando inoperosi nella natura si cade facilmente in uno stato di malessere e ci assale una specie di febbre).

Bertolt Brecht
da Storie del signor Keuner, Einaudi 2008

Buon Natale e Felice Anno Nuovo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: